Skip to main content

MANIFESTAZIONI

CARNEVALE DI FANO

  • 0days
  • 0Hours
  • 0Minutes
  • 0Seconds

DOMENICA 23 FEBBRAIO 2020 ORE 15.00

'Semel in anno licet insanire', 'una volta all'anno è permesso far pazzie', questa antica licenza romana sembra aver trovato terreno fertile a Fano, la città del Carnevale, sede di uno dei più famosi carnevali d'Italia. Oltre un mese di festeggiamenti: le vie e la gente della città si spogliano delle usuali abitudini, si tuffano in quel turbinio di feste e sfilate che il Carnevale di Fano offre senza alcuna parsimonia e tutti finiscono per rimanere coinvolti nella gaia atmosfera di spensierato divertimento. Storico lo è certamente: pochi sanno che Fano diede i natali al suo Carnevale in epoca medioevale, più precisamente, almeno secondo la leggenda, in occasione della riconciliazione delle due più importanti famiglie cittadine di allora: i Del Cassero e i Da Carignano. Ma storia e tradizione non sono le sole caratteristiche portanti della manifestazione fanese, che ogni anno raduna attorno a sé decine di migliaia di persone:il Carnevale di Fano, infatti, è il più dolce carnevale al mondo, l'unico in cui si assiste e si partecipa ad una vera e propria battaglia senza esclusione di colpi, combattuta con quintali di…cioccolatini. Quintali e quintali di dolci, caramelle e cioccolatini sono riversati dai carri allegorici sulla folla, che a sua volta raccoglie e rilancia a piene mani questa pioggia davvero singolare, capace di coinvolgere grandi e piccini, sia chi è nel mezzo della mischia, sia quanti si trovano nelle tribune ai lati del percorso e non rinunciano a munirsi di dolci da gettare verso la sponda opposta. La sfilata dei carri si conclude con il giro della 'luminaria': assolutamente suggestivo, una vera e propria festa di luci e colori che, lungo un percorso di circa 2 Km, crea un gioco di ombre irreali e fantastiche. Ecco così spiegato lo slogan del Carnevale di Fano: bello da vedere, dolce da gustare. Il Carnevale è anche cultura e tradizione popolare: la Scuola della Cartapesta tramanda ai più giovani l'arte della lavorazione della cartapesta e il patrimonio delle esperienze creative; la Musica Arabita -sempreverde banda musicale, citata da Guido Piovene e Curzio Malaparte- dal 1922 suona musica usando strumenti bizzarri e improvvisati, ricavati da ogni sorta di oggetto. L'ingresso è a pagamento.

 

GALLERIA IMMAGINI

INFO BIGLIETTI E PALCHI