Skip to main content

NEWS

La Pala e la Lunetta del Perugino partono per l’Opificio delle Pietre Dure di Firenze

 

 

 

La Pala raffigurante Madonna in trono con Bambino e Santi e la Lunetta con Pietà di Pietro Vannucci detto il Perugino (Città della Pieve, PG, 1450 ca.- Fontignano, PG,1523), di proprietà del Comune di Fano ed esposte presso la Chiesa di Santa Maria Nuova, sono partite per Firenze dove verranno sottoposte ad un un trattamento di disinfestazione da attacco biologico presso il laboratorio dell’Opificio delle Pietre Dure, usufruendo delle migliori condizioni tecnico-scientifiche oggi a disposizione.

Il prestigioso istituto del MIBACT, la cui attività operativa e di ricerca si esplica nel campo del restauro delle opere d'arte e sede di una delle Scuole di restauro ufficiali dello Stato, in accordo con la Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Marche, ha offerto di farsi carico a titolo gratuito dell’intervento nonché di un’estensiva campagna di indagini diagnostiche, radiografiche, fotografiche e multispettrali e dell’esame dei manufatti al verso.

“Questa campagna di indagini - dichiara il Sindaco Massimo Seri con delega alla Cultura - costituisce un’importante occasione di collaborazione nell’ambito della tutela e valorizzazione del patrimonio culturale della città di Fano”.

L’Opificio delle Pietre Dure, infatti, dispone di un Laboratorio scientifico chimico, fisico e biologico, nonché di un servizio di climatologia e conservazione preventiva e si avvale di personale tecnico scientifico di eccellenza composto da restauratori, storici dell'arte, esperti scientifici e fotografi.

L’ Amministrazione Comunale di Fano, pertanto, è stata ben lieta di accogliere favorevolmente il progetto si è impegnata a sostenere le spese relative allo smontaggio, imballo ritiro e trasporto delle opere da Fano a Firenze e ritorno, nonché quelle per la copertura assicurativa durante il viaggio.

Si tratta, infatti, di garantire la conservazione di due opere importantissime. La celebre Pala costituisce uno degli esiti migliori della pittura del Perugino che qui rappresenta il tema della Sacra Conversazione tra la Vergine assisa in trono con il Bambino Gesù e i Santi Giovanni Battista, Ludovico da Tolosa, Francesco, Pietro, Paolo e Maria Maddalena entro una costruzione architettonica basata sulla ripetizione prospettica di arcate, tipica della pittura peruginesca degli ultimi decenni del secolo.

L’opera è detta anche “Pala di Durante” dal nome del committente che compare nell’iscrizione sul piedistallo ai piedi della Vergine, un tal Durante di Giovanni Vianuzzi che nel 1485 donò ai frati Minori Osservanti un lascito al fine di ornare la cappella dell’Annunziata nella Chiesa di Santa Maria Nuova, nuova sede dei frati dopo il trasferimento da San Lazzaro e prima ancora dalla sede di Ponte Metauro.

La Lunetta, che completa la Pala, raffigura la Pietà: al centro il corpo di Cristo privo di vita appoggiato a un sarcofago e sorretto da Nicodemo e Giuseppe d’Arimatea, ai lati i Dolenti, ovvero  la Vergine e San Giovanni Battista.

A tutte le operazioni di smontaggio, ritiro e imballaggio sono avvenute sotto la direzione del Dott. Tommaso Castaldi e della Dott.ssa Giulia Agostinelli, funzionari della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio delle Marche e del Dott. Andrea Santacesaria, restauratore dell’Opificio delle Pietre Dure di Firenze che curerà insieme alla Dott.ssa Cecilia Frosinini l’intervento di trattamento organizzato dal Servizio Cultura del Comune di Fano e le analisi.